Blog: http://PoliticaMente.ilcannocchiale.it

Cosa ci dicono le elezioni in Emilia?

(1) La politica é come il calcio. É bella perché in Italia abbiamo quasi sessanta milioni di esperti ma poi arrivano i numeri a dare risultati chiari che ci piace ignorare.


(2) Aspettare a volte serve perché la piena possa passare. Il senso principale di questo governo coi cinque stelle era quello lí. Se il risultato dell'Emilia puó servire a qualcosa (magari non tutti siamo dáccordo con una lettura nazionale) é che la decisione di allora sta iniziando a produrre i suoi frutti.

(3) Il PD torna primo partito in Emilia Romagna dopo tanti anni.

(4) La Lega viceversa prende una battuta d'arresto. Peró nonostante questo é interessante notare che dopo trenta anni di innamoramenti per movimenti e partiti estemporanei, in questo momento il risultato dell'Emilia fotografa un risultato non bipolare ma bipartitico (Labour e Tories in Inghilterra viaggiano su quei livelli lí) dove a vincere sono i due brand piú vecchi, il PD (figlio dei partiti della Prima Repubblica) e la Lega (il partito piú vecchio in assoluto tra quelli esistenti).

(5) conseguenza di (4) é che alcuni movimenti che hanno avuto successo negli anni addietro (che é successo a Forza Italia??) sono scomparsi (o quasi): primo fra tutti il M5S. Appena un anno e mezzo fa stavamo a temere il consolidarsi di un asse populista Lega-M5S che avrebbe strutturalmente cambiato la scena politica italiana. Quello spauracchio non esiste piú. L'asse Lega-M5S non é piú un'opzione perché uno dei due poli si é liquefatto.


Pubblicato il 7/2/2020 alle 0.45 nella rubrica Politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web