Blog: http://PoliticaMente.ilcannocchiale.it

Lettera dell'ambasciatore italiano a Parigi sulla Quetione del Medio Oriente

Scrive l'ambasciatore italiano a Parigi in un telespresso sulla Questione del Medio Oriente di nutrire"molti dubbi sull'amicizia degli arabi", e di non vedere quale vantaggio possano avere gli italiani ad "essere chiamati a far parte di quei consessi alleati che si illudono di dirigere la politica del Medio Oriente [...] dovremmo entrarci con l'atteggiamento di chi vuol salvare capra e cavoli: saremmo un po' filo-arabi perché la nostra opinione pubblica è filo-araba - e perché il Vaticano è anti-Israele - [...] un po' [...] tener conto delle posizioni francesi ed inglesi: in una parola, vorremmo e non vorremmo [...] fino ad ora, per il semplice fatto di esserne stati tenuti fuori, siamo riusciti a non essere malvisti. [...] Che possa venire un momento in cui non ci sia più permesso di non prendere posizione è possibile, anche se non è inevitabile: ma che andiamo a sollecitare noi stessi tale momento, non riesco a capirlo". Non si parla di certo dell'intervento italiano in Iraq, poichè la lettera dell'allora ambasciatore Quaroni al ministro degli esteri Martino data 4 aprile 1956. Ma non ci stupirebbe più di tanto se a mandarla fosse stato un diplomatico di oggi al nostro presidente dl consiglio.

Pubblicato il 5/1/2004 alle 1.21 nella rubrica Cronache Storiche.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web